Appunti

Io sono l’isola

CASALIBRI - Ballard - L'isola di Cemento “A mano a mano che girovagava, Maitland scoprì che il suo corpo e il dolore nella gamba gli importavano sempre meno. Incominciò a muovere quel guscio, dimenticando dapprima l’arto offeso e poi tutte e due le gambe, cancellando qualsiasi coscienza dei bruciori al petto e al diaframma.

Sorretto dall’aria fredda avanzò fra l’erba, riguardando con tranquillità quei tratti di paesaggio che nei giorni precedenti aveva imparato a conoscere così bene.Identificando l’isola con se stesso, contemplò le auto nello spiazzo dello sfasciacarrozza, il recinto di rete metallica e il cassone di cemento alle sue spalle. Fece gesti al loro indirizzo,  nel tentativo di compiere un circuito dell’isola che gli permettesse di lasciare i vari pezzi di sé al posto giusto: la gamba destra nel punto dell’incidente, le mani ferite impalate sulla recinzione. Il petto, poi, dove si era seduto, contro il muro di cemento. In ogni punto una piccola liturgia avrebbe significato un passaggio di impegno da verso se stesso a verso l’isola”.

James Graham Ballard, L’isola di cemento

Standard

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.